Hi, How Can We Help You?

Diritto Processuale Civile

Diritto Processuale Civile

La Corte di Cassazione con sentenza n. 5259/2017 ha ammesso la possibilità di utilizzare come fonte di prova, ai sensi dell’art. 2712 c.c., la registrazione su nastro magnetico di una conversazione telefonica, ma, ponendosi sulla scia di due sentenze degli anni ’90 (la n. 8219/1996 e la n. 12206/1993), ha anche chiarito che a tal fine è necessario che: colui contro il quale la registrazione è prodotta non contesti che la conversazione sia realmente avvenuta; colui contro il quale la registrazione è prodotta non contesti che la conversazione abbia avuto il tenore risultante dal nastro; non si tratti di conversazione svoltasi tra soggetti estranei alla lite; almeno una delle parti sia parte in causa.

Share Post